You are currently viewing DIMAGRIMENTO E TONO MUSCOLARE

DIMAGRIMENTO E TONO MUSCOLARE

Quando ti poni in condizione di restrizione calorica dimagrisci,

MA

Il dimagrimento non è solamente a carico della massa grassa.

Per quanto un’adeguata alimentazione con il corretto apporto di proteine nobili limiti la perdita di massa magra, purtroppo il rischio di vedere una calo del tono muscolare esiste e accade molto spesso.

Solitamente quando si segue un’ipocalorica, dopo qualche tempo si nota una minore pienezza dei muscoli dovuta allo scarico di glicogeno che viene massivamente utilizzato e solo ciclicamente ricaricato, nonché alla perdita di tessuto in parte catabolizzato dal taglio calorico.

Questo è un problema tipico dei Natural poiché operare con successo in situazioni di deficit non è una missione banale e richiede un’ottima gestione delle variabili dell’allenamento.

Dunque come evitare di vanificare tutti gli sforzi fatti per costruire muscolo nel periodo di massa?

Innanzitutto quando inizi una fase di cut il tuo corpo non deve essere in uno stato di affaticamento, perchè se già parti con una base traballante capisci bene che non possono esistere solidi pilastri per permetterti di affrontare al meglio questo periodo.

Perchè possa operare bene il tuo corpo dev’essere rimasto in uno stato di OMEOSTASI per un LUNGO periodo di tempo, ovvero devi aver vissuto un periodo di normo o ipercalorica che ti abbia consentito di spingere con energia, di aumentare la forza, quindi di essere nel pieno delle tue facoltà fisiche e mentali.

Questo è possibile a partire dall’alimentazione che adotti.

Pulita, grezza, ricca di nutrienti e prediligendo alti carboidrati, il carburante preferito dai tuoi muscoli.

Una fase di massa che si rispetti deve coprire tutti questi parametri.

Quando ti appresti a cominciare la tua fase di definizione l’unica cosa che devi andare a variare è il tuo settaggio dei macros derivante dal nuovo introito calorico che sarà necessariamente più basso.

Non esiste alcuna programmazione magica particolare o differente dalla fase di massa che ti possa permettere di dimagrire nel modo giusto, ma anzi ciò che consiglio vivamente è proprio di non stravolgere gli esercizi della tua scheda, né di variarne la struttura.

Rifletti, hai costruito uno schema motorio valido e hai creato progressione concentrandoti su determinati esercizi e modalità di esecuzione per un lungo periodo, sarebbe alquanto stupido trasformare completamente la programmazione cambiando tutte le variabili in un momento in cui il tuo corpo viene già messo a dura prova dal taglio calorico.

Non farlo ti permetterebbe invece di sostenere allenamenti intensi anche in forte deficit calorico, poiché gli esercizi che si vanno a svolgere sono familiari ed ormai interiorizzati.

E’ vero che i muscoli si abituano agli stimoli, ma è altrettanto vero che un muscolo che riceve troppo spesso stimoli differenti blocca il suo miglioramento.

La verità è che serve una BASE solida sulla quale il corpo possa sempre contare.

Fare un uso massivo di tecniche d’intensità, modificando spesso frequenza e densità di allenamento e aggiungendo troppa varietà di esercizi risulta inadeguato per affrontare una fase di definizione che ha il fine di mantenere una muscolatura piena e di qualità.

Per questo necessiti di un percorso strutturato composto da un allenamento mirato che cada a pennello con le tue necessità.

 

Se vuoi avere un assaggio gratuito di quello che faremo insieme clicca qui: https://claudiamonteleone.com/protocollo-gratuito/

A presto,

Claudia Monteleone

✨Fitness Coach✨

Lascia un commento